Logo
 
News News
Eventi - On Meeting Eventi - On Meeting
Settesuoni Settesuoni
Ufficio Politiche Giovanili Ufficio Politiche Giovanili
Informagiovani Informagiovani
Informadonna Informadonna
Centro di Educazione Ambientale Centro di Educazione Ambientale
Centro Culturale Golem Centro Culturale Golem
Centri di Aggregazione Centri di Aggregazione
Casa della Musica Casa della Musica
Consulta Giovanile Consulta Giovanile
Informagiovani in Italia Informagiovani in Italia
Servizi informazione Europea Servizi informazione Europea
Links Utili Links Utili
[h]ome | Scuola
Scuola dell'obbligo


LA SCUOLA ELEMENTARE

SCUOLE ELEMENTARI AD URBINO

LA SCUOLA SECONDARIA DI I° GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I° GRADO AD URBINO

 

LA SCUOLA ELEMENTARE

ISCRIZIONI
L'iscrizione alla classe prima elementare è obbligatoria per i bambini che compiono il sesto anno di età entro il 31 dicembre successivo all'inizio dell'anno scolastico.
La frequenza e i libri di testo sono gratuiti.

ORGANIZZAZIONE
Nella scuola elementare sono utilizzati due modelli organizzativi:
· scuola a moduli (3 insegnanti per 2 classi o, più raramente, 4 insegnanti per 3 classi) con orario di 27 o 30 ore settimanali;
· scuola a tempo pieno (2 insegnanti per 1 classe) con orario di 40 ore settimanali.

Ogni istituzione scolastica, con l'autonomia, stabilisce come organizzare gli interventi e le azioni che programma, tenendo presenti i bisogni dei soggetti per cui opera e le risorse e le esigenze del territorio in cui opera; questo, nel rispetto degli obiettivi generali del sistema nazionale di istruzione e dell'organico funzionale.

STRUTTURA
Ogni scuola fa capo a un Circolo Didattico, sede della Dirigenza scolastica, che può comprendere uno o più plessi.Negli ultimi anni si sono costituiti anche gli istituti comprensivi, che prevedono la presenza nella stessa istituzione di scuole materne, elementari e medie, dirette da un unico Dirigente scolastico. Il numero di alunni iscritti a ogni classe, di regola, non è superiore a 25 e inferiore a 10 bambini; nel caso in cui in una classe siano inseriti uno o più alunni portatori di handicap, il totale non supera i 20 iscritti.
In alcune situazioni esistono le pluriclassi (che raggruppano alunni di classi diverse), con non più di 12 bambini e non meno di 6.

Per maggiori informazioni di carattere generale contattare l'Uff. IV della Direzione generale per gli Ordinamenti scolastici: tel.06/58492311-2346 o consultare il sito:

www.istruzione.it

Per ulteriori precisazioni di carattere territoriale rivolgersi agli Uffici scolastici regionali di competenza.

« indice

 

SCUOLE ELEMENTARI AD URBINO

Scuola Elementare Statale "G. Pascoli",
Piano S. Lucia, 11
61029 URBINO
Tel. 0722.329765
Scuola Elementare Statale loc. Canovaccio,
61029 URBINO
Tel. 0722.53524
Scuola Elementare Statale loc. Tracanni,
61029 URBINO
Tel. 0722.4880
Scuola Elementare Statale "Piansevero",
Via Piansevero
61029 URBINO
Tel. 0722.328170
Scuola Elementare Statale loc. Gadana,
61029 URBINO
Tel. 0722.328894
Scuola Elementare Statale loc. Mazzaferro,
61029 URBINO
Tel. 0722.328732
Scuola Elementare Statale loc. Pieve di Cagna,
61029 URBINO
Tel. 0722.345321
Scuola Elementare Statale loc. Schieti,
61029 URBINO
Tel. 0722.594010

« indice

LA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Con la legge 20 gennaio 1999 n.9 l’obbligo SCOLASTICO, che prima terminava al compimento del 14° anno di età, generalmente coincidente con la licenza di Scuola Media,è stato esteso al primo anno della Scuola Superiore. Pertanto la scelta tra la prosecuzione degli studi e attività lavorativa o formazione professionale, non avviene più al termine della Scuola Media. L’obbligo dunque è limitato al primo anno, perché la legge 20 gennaio 1999 n. 9 e il relativo regolamento di esecuzione considerano, per il momento, concluso il ciclo scolastico obbligatorio o con la promozione alla seconda classe di Scuola Superiore o col raggiungimento del 15° anno di età e con l’aver osservato per almeno 9 anni le norme sull’obbligo scolastico.
La Legge n. 144 del 17 maggio 1999, successiva all' obbligo scolastico novennale, ha introdotto inoltre, per tutti i cittadini, a decorrere progressivamente dall’anno 1999/2000, un ulteriore obbligo FORMATIVO fino a 18 anni. In questo senso, tale obbligo, recita l’art. 68 di questa legge, si può assolvere in tre modi e luoghi diversi:
Nel sistema di Istruzione scolastica, quindi nella Scuola Secondaria Superiore per chi intende proseguire gli studi.
Nel sistema della Formazione Professionale di competenza regionale per chi vuole prepararsi ad un lavoro.
Nell'esercizio dell'apprendistato, vale a dire assunti da un’impresa, ma con un contratto di apprendistato che l’art. 16 della legge 24 giugno 1997, n. 196, dice debba svolgersi con l’assistenza di un tutore. L'attuale scuola secondaria di I grado è il secondo segmento della fascia dell'obbligo.
Una volta terminale, oggi, con la prosecuzione dell'obbligo scolastico, essa si configura come percorso intermedio, in quanto si raccorda con il primo anno della scuola secondaria di II grado.
La scuola media si caratterizza come formativa e orientativa, incentrata sullo sviluppo della persona e sullo sviluppo di competenze che mettano in grado, al compimento del ciclo di studi, di fare scelte ragionate. Una caratteristica fondamentale della scuola media è l'orientamento, inteso non solo come informazione tesa ad orientare, ma come formazione per la conoscenza di sé, degli altri e del territorio per una presa di coscienza delle proprie aspettative e delle proprie potenzialità. Tale azione orientativa non è estranea all'azione didattica, ma è la disciplina stessa che viene finalizzata allo sviluppo di quelle conoscenze che porteranno a compiere scelte consapevoli per il futuro.In questo ambito, tra le funzioni informative della scuola media, c'è quella che riguarda il rapporto costante con le famiglie perché la scelta finale non sia dettata da idee preesistenti, ma avvenga a seguito di un confronto e di una condivisione scuola-famiglia per un migliore inserimento dello studente nel segmento scolastico successivo.
Nella scuola media i genitori possono scegliere tra:
1) tempo ordinario, costituito da 30 settimanali, articolate in genere su sei giorni
2) tempo prolungato costituito da un monte ore settimanale che va da un minimo di 36 a un massimo di 40. Questa articolazione oraria comprende anche i rientri pomeridiani. Grazie alla flessibilità didattica garantita dall'autonomia, in accordo con le varie componenti del mondo scolastico ed extrascolastico, le attività formativo-didattiche possono anche essere articolate in 5 giorni, adottando così la settimana corta.
Negli ultimi anni si è accentuata l'attenzione verso l'insegnamento delle lingue straniere e dell'informatica; quasi ogni scuola offre la possibilità di studiare due lingue straniere e di frequentare corsi specifici che utilizzano strumenti multimediali. Recentemente, poi, è passato ad ordinamento l'insegnamento dello strumento musicale che trae la sua origine nelle sperimentazioni a suo tempo autorizzate in un numero limitato di scuole, che prevedevano appunto l'inserimento nel progetto didattico dell'insegnamento di uno o più strumenti musicali.

Per maggiori informazioni di carattere generale contattare l'Uff. IV della Direzione generale per gli Ordinamenti scolastici: tel.06/58492311-2346 o consultare il sito: www.istruzione.it

« indice

SCUOLA SECONDARIA DI I° GRADO AD URBINO

Scuola Media "P. Volponi",
Via M. Oddi - 61029 URBINO
Tel. 0722.320507,
sito web: www.urbino.cj.net
e-mail: sm.volponi.urbino@provincia.ps.it

« indice

 


Comune di Urbino - Assessorato Politiche Giovanili e Ambiente - Via Puccinotti, 3 - 61029 Urbino (Pesaro-Urbino) - centralino: 0722 3091 - e-mail: info@comune.urbino.ps.it